sabato 9 febbraio 2019

La Farsa di Maitre Pathelin a San Damiano d'Asti

Il Gruppo La Ghironda e la sua Farsa di Maitre Pathelin, piece francese di teatro e musica medioevale.
Giovedì 14 febbraio 2019 alle ore 21:00 presso il Nuovo Foro Boario di San Damiano d'Asti verrà rappresentata nell’ambito della Rassegna teatrale “Farse, commedianti e suonatori”.
Di tutto il teatro comico francese del sec. XV, Pathelin è l’unica opera che abbia saputo creare un’atmosfera di situazioni e di caratteri veramente comici, con una spontaneità semplice e furbesca insieme. Nel protagonista, che dà il proprio nome al titolo della commedia, è raffigurato il tipo dell’avvocato procacciante e senza scrupoli, che nella frequenza dei tribunali e delle leggi ha soltanto appreso il modo di eludere la giustizia e d’ingannare il prossimo: uno dei tanti legulei senza clientela, costretti a vivere di piccoli espedienti.
La messa in scena di quest’opera, in una trascrizione in lingua italiana, prevede l’integrazione tra il testo recitato e le musiche eseguite sul palco durante lo spettacolo utilizzando strumenti che sono copie fedeli di quelli in uso a quel tempo; secondo i dettami del teatro dell’epoca, infatti, gli attori recitavano, cantavano e suonavano.
Per seguire l'evento su Facebook clicca qui !

sabato 2 febbraio 2019

Dante per tutti e il Teatro Medievale

Opificio Culturale ripropone in Irpinia, questa volta in collaborazione con il Caffè Letterario Castello D’Aquino di Grottaminarda (AV), lo spettacolo “Dante per tutti” che già due anni fa ha riscosso enorme gradimento e un inaspettato “tutto esaurito”. Così Rosalba Carchia, fondatrice di Neìnde: “Sono davvero soddisfatta di questa partnership culturale sugli eventi che abbiamo intrapreso con il Caffè Letterario di Grottaminarda. Questo è solo il primo di diversi eventi che investiranno la letteratura ma in generale la cultura a tutto tondo. Per assistere a Dante per Tutti bisogna spostarsi fino alla Capitale. Siamo riusciti invece a portarlo qui a due passi da casa”.
L’evento si terrà sabato 2 febbraio 2019 con due repliche. Una alle ore 18:00 e la seconda alle ore 20:00. La location sarà lo splendido Caffè Letterario – Castello D’Aquino di Grottaminarda (AV). L’ingresso è a pagamento. “Dante per tutti” è un progetto di divulgazione della Divina Commedia di Dante, nato nel 2015 a Roma. Attraverso un linguaggio avvincente e chiaro, “Dante per tutti” è riuscito a diventare un appuntamento fisso nel panorama culturale della Città Eterna, riuscendo a coinvolgere persone di tutte le età e principalmente giovani.
“Dante per tutti” ha ricevuto il Patrocinio della Società Dante Alighieri e dimostrazioni di stima e di condivisione di intenti da parte di Carlo Azeglio Ciampi, Vittorio Sermonti, Luca Serianni, Beppe Severgnini ed Erri de Luca. Ha fatto parlare di sé anche in televisione e in radio.
Lo scopo è quello di raccontare il Medioevo attraverso la letteratura, l’arte, il teatro e la Divina Commedia di Dante e di farlo fuori dai luoghi scolastici o istituzionali. Ideatore del progetto è Luca Maria Spagnuolo, trentenne di origini avellinesi, laureato in storia dell’arte e studioso di letteratura italiana antica. Vive a Roma.
La novità di questa edizione è che l’incontro si aprirà con “La musica nel teatro medievale”: un breve viaggio nella rappresentazione drammatica della musica attraverso la lettura dei copioni originali del tempo, corredati dalla proiezione di opere d’arte. Subito dopo: le leggende medievali. Legato al Canto di Ulisse ci sarà infatti un breve excursus sul patto col diavolo nel medioevo. A seguire Lectura Dantis: “Inferno, Canto XXVI: Ulisse”. Lettura e commento di uno dei più grandi Canti della Divina Commedia: il racconto del folle volo di Ulisse lungo il mare dell’ingegno e dell’umana conoscenza. Col suo modo di narrare chiaro e appassionante Luca Maria Spagnuolo condurrà in un percorso inedito e straordinario, mentre i sensi vivranno un emozionante stato di grazia.
Per seguire l'evento su Facebook clicca qui !

martedì 15 gennaio 2019

"Lu Santo Jullàre Francesco" a Caraglio (CN)

Venerdì 25 gennaio 2019 alle ore 21,00 presso il Teatro Civico di Caraglio (CN) in Via Roma 124, in scena "Lu Santo Jullàre Francesco" con Mario Pirovano.
Dalle ricerche di Dario Fo, un memorabile lavoro sulla vita di San Francesco. Un ritratto inedito del più straordinario innovatore del pensiero cristiano, per parlarci dei grandi temi che attraversano la società contemporanea. “Lu Santo Jullàre Françesco” è un monologo in cui prende vita un’intera serie di personaggi dell’Italia medievale: Papi e Cardinali, soldati sui campi di battaglia, contadini e venditori al mercato, monaci e cavapietre.
La realtà storica e la tradizione popolare si intrecciano nel ripercorrere alcuni dei momenti più significativi della vita di Francesco: la richiesta di approvazione della Regola al Papa Innocenzo III, la predica agli uccelli, l’incontro con il lupo, la malattia agli occhi… Lavorando su leggende popolari, su testi canonici del Trecento e su documenti emersi negli ultimi cinquant’anni, Dario Fo elabora un’immagine non agiografica di san Francesco: spogliato dal mito, ritroviamo un personaggio provocatorio, coerente, coraggioso, ironico. Del resto era lo stesso Francesco a definirsi “jullare di Dio”, e questo proprio negli anni in cui l’imperatore Federico II promulgava un editto contro i “Joculatores” considerandoli buffoni osceni!
Dice Fo: “Della giullarata Francesco conosceva la tecnica, il mestiere e le regole assolute. Non teneva mai prediche secondo la convenzione ecclesiastica, anzi, rifiutava l’andamento del sermone. Sappiamo pure che cantava, recitava, si muoveva con tutto il corpo, braccia, gambe, piedi, suscitando divertimento ma anche commozione fra i presenti…”
La traduzione in lingua inglese che Mario Pirovano ha fatto del testo è stata pubblicata nel 2009 dalla casa editrice Beautiful Books di Londra con il titolo Francis the Holy Jester. La traduzione in inglese del testo integrale, comprendente anche episodi della vita del Santo mai rappresentati sulle scene, è stata pubblicata nel Dicembre 2017 dalla casa editrice Opus Book Publishers di New York.

lunedì 7 gennaio 2019

A filar versi: Faber e il Medioevo

Sabato 12 gennaio 2019 dalle ore 20, Fabrizio De André rivivrà presso la Sala Teatro Vittoria (Corso Vittoria Colonna – Marino) con l’evento culturale “A filar versi: Faber e il Medioevo”, organizzato da Senza Frontiere Onlus e patrocinato dalla Fondazione Fabrizio De André Onlus di Dori Ghezzi.
Una manifestazione, curata dalla Dottoressa Martina Michelangeli, in occasione dei venti anni dalla scomparsa dell’indimenticato artista:  un racconto in musica e parole, tra profondi spunti culturali. I brani di Faber saranno eseguiti dal Maestro Mario Alberti e dal Maestro Franco Manichelli. Ci sarà spazio anche per alcuni brani scelti dalla letteratura Medioevale, definita delle origini: saranno letti e spiegati, in particolare, dei testi della letteratura italiana di autori come Dante Alighieri e Giovanni Boccaccio.
La relatrice dei passi letterari sarà la Dottoressa Martina Michelangeli. Un evento originale, che si tradurrà in un inedito laboratorio culturale, in grado di portare un messaggio sulla bellezza delle storie e dei racconti pieni di umanità descritti nelle canzoni di Fabrizio De André, per ricordare il cantautore genovese in quanto pilastro della canzone italiana. L’ideatrice ed anima della manifestazione Martina Michelangeli ha commentato: «Rendiamo omaggio, ai venti anni dalla scomparsa, a uno dei più grandi poeti contemporanei della musica italiana: Fabrizio De André. Un evento che farà scoprire e “sentire” al pubblico le profonde connessioni tra l’universo culturale, storico e letterario dell’epoca Medioevale e le suggestioni musicali e poetiche confluite nell’opera di Fabrizio De André con l’esecuzione di alcuni dei brani più famosi del cantautore».
Per seguire l'evento su Facebook clicca qui !