lunedì 2 luglio 2018

Oltre le mura fantastique

La Pro Loco di Certaldo torna a far parte di Mercantia - proprio come 31 anni fa al debutto del Festival, con i suoi allestimenti interattivi lungo la Costa Vecchia - con la gestione di uno spazio e di un evento realizzato ad hoc per esso, stavolta lungo le mura di Palazzo Stiozzi Ridolfi.
OLTRE LE MURA FANTASTIQUE! è il nome di uno spettacolo di genere fantasy medievale - genere nel quale da anni la Pro Loco è attiva insieme all’associazione Secondi Figli di Pisa - che si svolgerà, nella sezione dei Giardini Segreti, per poche persone e su prenotazione ogni sera, dalle ore 21,30, nella passeggiata lungo le mura che da Porta Alberti costeggia palazzo Stiozzi Ridolfi e conduce fino all’altra porta di accesso dal borgo.
Il pubblico sarà guidato in un mondo fantastique fatto di personaggi usciti da un’altra dimensione: una realtà abitata da strane creature da affrontare e sconfiggere per non rimanere intrappolati, una sorta di mini caccia al tesoro in stile fantasy medievale, camminando con e mura solide ed invalicabili da un lato, ed il folto bosco dall’altro, dalla quale uscire vincitori… e non uscire più!...
La Pro loco si avvarrà per questo spettacolo della collaborazione di Consiglio dei giovani, Accademia della Danza di Certaldo, Associazione Secondi Figli di Pisa.

domenica 1 luglio 2018

Il Palio di Siena del 2 luglio su RAI 2

Lo storico appuntamento con il Palio di Siena torna in tv lunedì 2 luglio 2018 in diretta, alle 18.45 su Rai2, con la conduzione di Annalisa Bruchi. La telecronaca della celebre corsa dei cavalli sarà arricchita da contributi filmati e interviste e vedrà la partecipazione di Giovanni Mazzini, esperto di storia medioevale. In gara le contrade Chiocciola, Nicchio, Oca, Drago, Lupa, Istrice, Valdimontone, Tartuca, Leocorno, Giraffa.
La conquista della vittoria dipenderà molto dall’assegnazione del cavallo, dalla scelta del fantino e dal rapporto che si instaurerà tra i due. In corsa ci sono tre coppie di contrade rivali e occorrerà dunque, per ognuna di loro, capire se sia più opportuno impegnarsi per vincere oppure dedicarsi a impedire la vittoria della rivale. Il premio consiste nel Palio, ovvero il drappellone che da secoli reca l’immagine di Maria Santissima venerata nella Chiesa di Provenzano, la basilica in cui i contradaioli vittoriosi immediatamente dopo la corsa si recano per il ringraziamento.
La realizzazione del drappellone sarà davvero speciale in questa occasione, perché lasciata alla creatività di un cittadino particolare, Emilio Giannelli, vignettista e disegnatore da oltre sessant’anni. Non resta dunque che aspettare il tramonto del 2 luglio per conoscere quale contrada avrà in premio quest’opera sicuramente unica: il Nicchio o la Chiocciola, che in questo secolo non hanno mai vinto o qualcuna che apparentemente è meno assetata di vittoria? Il Palio di Siena è prodotto in collaborazione con il Consorzio per la Tutela del Palio di Siena. La regia è di Andrea Biagini.

venerdì 29 giugno 2018

L'umana Commedia a Casertavecchia (CE)

La Mansarda Teatro dell’Orco presenta “L’umana Commedia” Il Decameron di Giovanni Boccaccio nel Borgo di Casertavecchia sabato 30 giugno e domenica 1 luglio 2018.
Nello splendido Borgo di Casertavecchia prende vita una festa medievale, allietata dalla musica e dall’allegria contagiosa di un gruppo di musici e giullari che farà da cornice alla rappresentazione teatrale itinerante di alcune tra le più belle novelle di Giovanni Boccaccio, ambientate in alcuni angoli suggestivi tutti da scoprire.
Il Decameron di Giovanni Boccaccio, capolavoro indiscusso e pietra miliare della letteratura Italiana, viene proposto in una riduzione teatrale di alcune novelle selezionate accuratamente, idonee ad un pubblico di ogni età, privilegiando quelle di carattere comico- popolare che ben si prestano ade una messa in scena itinerante, nel pieno spirito del teatro popolare “a stazioni” proprio delle rappresentazioni medioevali.
Lo spettacolo verrà rappresentato nel borgo di Caserta Vecchia, dove già nel 1971 Pier Paolo Pasolini girò alcuni episodi del suo memorabile Decameron cinematografico.
Attori musicisti accompagneranno il pubblico, che assisterà alla drammatizzazione di alcune delle più celebri novelle del capolavoro del Boccaccio: Fra Cipolla,. Peronella e la Botte, Lisabetta da Messina e Masetto da Lamporecchio.
Rappresentare le novelle di in una location suggestiva come Caserta vecchia, è una operazione che coniuga teatro, letteratura storia dell’arte, in una performance idonea ad un pubblico di ogni età,. E’ una operazione di alta valorizzazione di un sito che si presta meravigliosamente ad essere scenografia naturale per un contenuto altamente compatibile con la natura del luogo, un connubio perfetto di sicuro impatto.
Per seguire l'evento su Facebook clicca qui !

giovedì 14 giugno 2018

"Assassinio nella Cattedrale" a Giaveno (TO)

L’arte e la cultura uniscono Giaveno e Torino: la Fondazione Pacchiotti e l’Accademia della Cattedrale di San Giovanni suggellano la loro collaborazione, nell’ambito del progetto “Parco turistico-culturale di Giaveno e della Val Sangone“, con un doppio appuntamento a ingresso libero nel segno dell’intenso e affascinante dramma liturgico del premio Nobel T.S. Eliot.
Andrea Giordana vestirà i panni di Thomas Beckett in una lettura drammatica tratta da Assassinio nella cattedrale, una produzione Fahrenheit 451 Teatro a cura di Daniele Salvo, in anteprima giovedì 14 giugno 2018 alle ore 21,00 presso la cappella del Palazzo storico della Fondazione giavenese e venerdì 15 giugno 2018 nella Cattedrale Metropolitana di Torino. Con il celebre attore sono in scena, Melania Giglio, Alfonso Veneroso, Daniele Salvo e Martino Duane, con musiche originali di Marco Podda.
Nel testo, andato in scena nel 1935 nella Sala Capitolare della cattedrale di Canterbury, si incontrano e si armonizzano le forme della sacra rappresentazione medievale e della tragedia antica, nel dare corpo e voce al conflitto irrisolto tra potere spirituale e potere temporale, immerso in un clima terribile e misterioso. L’arcivescovo di Canterbury viene assassinato sull’altare durante la celebrazione liturgica nel 1170, per volontà di Enrico II re d’Inghilterra, alla cui politica di supremazia sulla Chiesa si era fieramente opposto.
Per seguire l'evento del 14 giugno 2018 su Facebook clicca qui !