lunedì 23 gennaio 2023

Dante - La Commedia Divina

Dante - La Commedia Divina
Regia di Roberta Borgonovo
Con Franco Ricordi, Matilde Calamai, Andrea Meroni, Mah Azar Emami
Nelle sale da lunedì 23 gennaio 2023
 
Attraverso la Divina Commedia, Dante ci accompagna in un viaggio meraviglioso dentro di noi, durante il quale faremo la conoscenza dei nostri mostri per trovare la via verso la Luce. Franco Ricordi, attore e filosofo, ci accompagna nei mondi ultraterreni di Dante attraverso la recitazione e l’interpretazione filosofica di alcuni canti della Divina Commedia. Il viaggio impossibile è un viaggio dentro noi stessi, alla conoscenza delle nostre più drammatiche debolezze, dei nostri mostri, incarnati qui da due giovani attori che attraverseranno i tre regni, dalle tenebre alla luce, proprio come noi. Il nostro palco è un puzzle di luoghi eterni come il Duomo di Firenze, il Museo dell’Opera e la Certosa, che si fondono con i chiaroscuri del bosco, la Selva Selvaggia, con il luccichio del mare che lambisce il monte del Purgatorio e con l’abbacinare dell’assolato Teatro del Silenzio, a Lajatico. A guidarci è Virgilio, una fulgida ombra del passato, e a tenerci saldi lungo il cammino un’inestinguibile luce: l’Amore di Beatrice. Ella ci aspetta alle porte del Paradiso, per accompagnarci lungo l’ultima scalata verso la Luce Eterna. La terza è la Cantica della Libertà: se l’Inferno e il Purgatorio sono costellati da una miriade di occasioni perse, il Paradiso è abitato da coloro che dai momenti di perdizione hanno trovato la forza per alzarsi e abbracciare la pienezza del proprio essere, liberi dalle catene del peccato. L’Amore è la forza ingovernabile che tutto muove, anche quando il dolore sembra aver cristallizzato tutto. Esso sottende ogni canto di questa opera, sin dai suoi scorci più bui fino all’ultima, estatica visione della luce eterna. È così che Dante Alighieri, poeta, filosofo, politico del ‘300, condannato all’esilio e al rogo dai suoi concittadini, salva se stesso, nell’eterno inno alla Libertà che è la sua Commedia Divina.

martedì 3 gennaio 2023

"I due cavalieri. Amori e intrighi nel castello" in scena a Jesi (AN)

Domenica 22 gennaio 2023
alle ore 18,00 presso la Chiesa San Niccolò a Jesi (AN) a grande richiesta finalmente si terrà la replica dello spettacolo "I DUE CAVALIERI - amori e intrighi nel castello" del gruppo MEDIOEVALIS di Jesi sotto la regia di Luigi Ramini, arricchito dalle note intonate dal Soprano Cristina Corradini.
Lo spettacolo era andato in scena in anteprima assoluta nell'unica data del 30 settembre scorso a Senigallia presso il Museo del Giocattolo antico - Teatro Fatati. La tanto splendida quanto piccola location non aveva però permesso ai tanti interessati di poter assistere alla performance e i biglietti erano terminati il giorno stesso dell’apertura della vendita e da più parti erano subito giunte richieste di repliche. L'interesse nei confronti di questo spettacolo, organizzato dalla creativa Cristina Corradini è dovuto a più fattori: il Medioevo non solo ha da sempre rappresentato un periodo misterioso, ma il Gruppo Medioevalis permette di compiere un vero e proprio salto nel tempo, dove sgherri e cavalieri si contendono l’amore di una dama.
Uno dei principali punti di forza dello spettacolo sono gli interventi musicali della stessa Cristina Corradini che, dopo approfondite ricerche storiche, si cimenterà nell’eseguire per l'occasione brani del famoso troviero francese Adam de la Halle e del compositore italiano Jacopo da Bologna, autentiche "chicche" in epoca moderna. A tutto questo si aggiungeranno aneddoti riguardo al periodo medioevale, storie e vicissitudini di Santi locali del periodo e altre sorprese direttamente dalla voce narrante di Luigi Ramini.
Così come a Senigallia e molto apprezzato dal pubblico, l’incontro si concluderà con la degustazione della Torta Bianca, tipico dolce medievale offerto da “Il Pane di Cristina” e accompagnato dal Sidro, bevanda in voga all’epoca. La meravigliosa cornice della Chiesa San Niccolò, illustrata prima dello spettacolo, permetterà di compiere questo salto nel tempo indietro di un millennio, lasciando lo spettatore rapito ed estasiato.
Per info e prenotazioni contattare 3397071441.

lunedì 17 ottobre 2022

Santa Maria Antiqua e la pittura bizantina nell’Italia altomedievale

Lunedì 17 ottobre 2022 alle 21.40 va in onda su Rai Storia la nuova punatata di Viaggio nella bellezza: "Santa Maria Antiqua e la pittura bizantina nell’Italia altomedievale".
Una chiesa alto medievale nel cuore del Foro romano con uno spettacolare ciclo di affreschi. È Santa Maria Antiqua, da molti considerata la "cappella Sistina" dell'VIII secolo, che ha riaperto al pubblico con un nuovo allestimento. Un luogo raccontato da “Italia. Viaggio nella bellezza”, in onda lunedì 2 maggio alle 22.10 su Rai Storia. Le pitture di Santa Maria Antiqua raccontano una Roma inedita al grande pubblico: una città pienamente orientalizzata, con i suoi papi greci e palestinesi. Pontefici come Giovanni VII (650 d.C. – 707 d.C.) che si affida ai migliori pittori provenienti da Bisanzio per trasformare Santa Maria Antiqua nella chiesa più orientale di tutta Roma. Nei secoli della temperie iconoclasta, quando nell'Oriente cristiano di lingua greca le icone e le immagini sacre sono bandite, questo piccolo edificio intitolato alla Vergine ai piedi del Palatino, accoglie le più belle espressioni della pittura bizantina: un viaggio fra i capolavori realizzati da una "mano greca" nell'arte alto medievale dell'Occidentale latino.